Top of the Docs – I migliori documentari tedeschi 2018

Jan Peter, Joel Basman, Regina Boucherhi, Gunnar Dedio - foto: Emilio Esbardo

di Emilio Esbardo

Se il documentario non esistesse, si dovrebbe inventarlo (…) La capacità particolare del film di documentazione è quella di  rappresentare il nostro Paese e il mondo in tutte le sue diversità e di affrontare questioni complesse come i cambiamenti sociali, le azioni umane con le loro conseguenze; ponendo domande anche scomode (…) La forza di una società democratica è di accettare le contraddizioni e di dare voce alle minoranze… - Ulrich Wilhelm; direttore di ARD e BR


Anche per il 2018, ARD ha presentato la produzione di una serie di documentari molto importanti ed interessanti. ARD è il consorzio delle stazioni televisive di radiodiffusione pubblica della Germania di cui fanno parte nove canali regionali, i quali, in collaborazione con altre emittenti, hanno co-prodotto i documentari di quest’anno. Elenco non completo: 

- Das Erste (letteralmente “La Prima”), è la più importante rete televisiva pubblica nazionale tedesca.www.daserste.de

- MDR, abbreviazione di “Mitteldeutscher Rundfunk”, è l’emittente radiotelevisiva pubblica degli Stati Federali di Turingia, Sassonia e Sassonia-Anhalt, la cui sede principale è locata a Lipsia.www.mdr.de

- rbb, abbreviazione di “Rundfunk Berlin-Brandenburg”, è l’emittente radiotelevisiva pubblica degli Stati Federali di Berlino e Brandeburgo, le cui sedi principali si trovano a Potsdam e a Berlino.www.rbb-online.de/fernsehen/ 

Jörg Schönenborn e Tom Buhrow - foto: Emilio Esbardo

- WDR, abbreviazione di “Westdeutscher Rundfunk Köln”, è l’emittente radiotelevisiva pubblica dello Stato Federale di Renania Settentrionale-Westfalia, la cui sede principale è a Colonia. - www1.wdr.de

- hr, abbreviazione di “Hessischer Rundfunk”, è l’emittente radiotelevisiva pubblica dello Stato Federale dell’Assia, la cui sede principale è a Francoforte. - www.hr.de

- NDR, abbreviazione di “Norddeutsche Rundfunk”, è l’emittente radiotelevisiva pubblica degli Stati Federali del nord, le cui sedi principali sono ad Amburgo-Rotherbaum e ad Amburgo-Lokstedt. – www.ndr.de 

- BR, abbreviazione di “Bayerischer Rundfunk”, è l’emittente radiotelevisiva pubblica dello Stato Federale della Baviera, la cui sede principale è a Monaco. – www.br.de/fernsehen

Volker Herres, il direttore del programma di Das Erste, ha dichiarato che i documentari attuali si concentrano soprattutto su argomenti storici come ad esempio il Piano Marshall, la conquista del voto delle donne, i turbolenti anni dal 1918 al 1939, la biografia dei fratelli Aldi, l’ascesa e la caduta di Jürgen Schneider e il caso Sürücü.

Jan Peter - foto: Emilio Esbardo

Di seguito la lista della maggior parte dei documentari ed una breve descrizione:

LEHMAN BROTHERS – DER GROSSE CRASH (Lehman Brothers – il grande crash)

Il 15 settembre 2008, 50.000 cittadini tedeschi, a causa del crash della Lehman Brothers,  hanno perso di colpo i loro risparmi. Il documentario ci racconta il destino di persone che improvvisamente sono rimasti senza assicurazione pensionistica e soldi messi da parte per il futuro dei loro figli. Nasce la grande epoca della sfiducia verso le banche.

EHRENMORD – TOD EINER JUNGEN FRAU (Delitto d’onore – morte di una giovane donna)

Anche in una metropoli moderna come Berlino, avvengono delitti d’onore, prevalentemente tra i figli di immigrati. Il documentario narra la vita di una ragazza turco-tedesca e della sua lotta per la libertà e contro le costrizioni familiari.

18 – KRIEG DER TRÄUME (18 – Guerra dei sogni)

Questo documentario racconta la vita delle persone dopo la fine della prima guerra mondiale avvenuta l’11 settembre 1918, che ha praticamente buttato giù il vecchio ordine mondiale costituito da monarchie ed imperi. La persone, insicure, spaventate, preoccupate per un futuro incerto, trovano conforto nelle nuove utopie del 20simo secolo: democrazia, comunismo e fascismo.

Joel Basman - Foto: Emilio Esbardo

DER BEAMTEN-REPORT (Il report sugli impiegati statali)

Qui ci si pone la domanda se si ha ancora bisogno di impiegati statali, i quali in una società composta da molti precari, vengono visti come una classe privilegiata con sicuri sostanziosi guadagni mensili e sicure pensioni. Gli statali in Germania sono all’incirca 1,7 milioni.

BERLIN REBEL HIGH SCHOOL (Scuola superiore per ribelli)

La scuola superiore Berlin Rebel è un progetto singolare in Germania, co-ideato dal settantenne insegnante Klaus, grazie al quale ragazzi di famiglie disagiate hanno la possibilità di ottenere il diploma in un istituto dove non sono presenti gerarchie, esami e pressioni per risultati da raggiungere. 

DER DEUTSCH-TÜRKEN-REPORT (Report sui turchi-tedeschi)

Il 63% dei turchi residenti in Germania, che godono del sistema democratico, hanno votato in patria per il rafforzamento di uno stato autoritario, sostenendo l’eliminazione della separazione dei poteri e l’indebolimento del Parlamento. Questo modo di pensare influisce o potrebbe influire nel processo d’integrazione dei turchi in Germania?

Volker Herres, Christian Beez, Heiko Maas, Moritz Riesewieck, Hans Block, Jutta Krug, Georg Tschurtschenthaler e Matthias Kremin - Foto: Emilio Esbardo

EINFACH MAL ANFASSEN – SEXUELLE BELÄSTIGUNG AM ARBEITSPLATZ (Palpeggiamento – molestie sessuali sul posto di lavoro)

Il caso del produttore americano Weinstein, scoppiato a ottobre del 2017, ha provocato un’ondata di accese proteste a livello internazionale contro gli abusi e le molestie sessuali sul posto di lavoro; concretizzatesi tra l’altro con l’hashtag “#metoo”. Il documentario sviluppa il tema partendo da un caso tedesco, dando la parola sia alla presunta vittima sia al presunto colpevole. 

KRIEG UND FRIEDEN – DEUTSCHLAND UND DIE SOWJETUNION (Guerra e pace – Germania e Unione Sovietica)

La Germania non ha solo una storia controversa con la Francia bensì anche con la Russia, caratterizzata da guerra e pace. Le altalenanze tra buoni e cattivi rapporti diplomatici continua tutt’ora; basti pensare all’amicizia dei governi Schröder-Putin e ai dissapori dei governi Merkel-Putin.

GEHEIMNISVOLLE ORTE – DER ROTE PLATZ (Luoghi misteriosi – Piazza Rossa)

La Piazza Rossa, nel centro di Mosca,  è un luogo che suscita mistero in quanto centro di potere e resistenza, dapprima dell’impero russo, poi dell’Unione Sovietica ed infine della Russia odierna. 

GEHEIMNISVOLLE ORTE – DER TEMPELBERG (Luoghi misteriosi – Il Monte del Tempio)

Il Monte del Tempio è uno dei luoghi religiosi più contesi al mondo, in quanto centro di primaria importanza per il Cristianesimo, l’Ebraismo e l’Islam. I rappresentanti di queste religioni rivendicano l’esclusiva sacralità del luogo. Agli archeologi, però, che potrebbero dare una risposta alla spinosa questione, viene negato l’ingresso. La domanda che si pone il documentario è: “Perché?” 

Volker Herres - Foto: Emilio Esbardo

KULENKAMPFFS SCHUHE (Le scarpe di Kulenkampff)

Hans-Joachim Kulenkampff, Peter Alexander e  Hans Rosenthal hanno avuto il compito di intrattenere e sollevare in televisione l’umore di una generazione traumatizzata dalla seconda guerra mondiale, senza mai lasciare trapelare le proprie personali tragiche esperienze. Kulenkampff da giovane soldato si  è tagliato da solo le dita dei piedi congelati. 

DAS MICROSOFT-DILEMMA (Il dilemma di Microsoft)

Il documentario cerca di rilevare le responsabilità di Microsoft nella diffusione degli attacchi informatici, che ha colpito e continua a colpire imprese, addirittura servizi segreti e purtroppo ospedali di tutto il mondo. 

MYTHOS ODER MASTERPLAN? – DIE WAHRE GESCHICHTE DES MARSHALL-PLANS (Mito o progetto eccellente – la storia del Piano Marshall)

Come spesso accade, dopo la glorificazione di un evento, in questo caso il Piano Marshall, si inizia ad analizzare la questione dietro il mito. 70 anni dopo ci si chiede se sia stato realmente questo progetto ad aver favorito il miracolo economico dei paesi occidentali dopo la seconda guerra mondiale. La questione  è nata con la proposta di realizzare un Piano Marshall anche in Paesi in crisi come la Grecia. 

Jörg Schönenborn - foto: Emilio Esbardo

NERVENKRIEG UM NORDKOREA – WAS TREIBT KIM JONG UN? (Guerra dei nervi intorno alla Corea del Nord – le intenzioni di Kim Jong-un)

Si cerca di capire quali siano i veri obiettivi di Kim Jong Un e se sia realmente intenzionato a far scoppiare un conflitto nucleare.

NICHT SICHER! BIOMETRISCHE BÜRGERDATEN IM VISIER VON HACKERN (Non sicuro!  Identità biometriche negli interessi degli hacker)

Al centro la questione dei furti d’identità biometrica, che non è più possibile recuperare come una password.  L’impronta digitale  è unica e non sostituibile.

PEANUTS – DIE JÜRGEN SCHNEIDER STORY (Briciole – la storia di Jürgen Schneider)

La solita storia che fa infuriare i semplici cittadini che difficilmente possono accedere ad un prestito bancario. In questo documentario si descrive l’ascesa e la caduta di un imbroglione immobiliare, favorita da grandi somme di denaro concesse dai banchieri.  

DER PFLEGEAUFSTAND (Assistenza sanitaria – rivolta)

In Germania si sta iniziando a discutere intensamente sull’assistenza sanitaria delle persone anziane, che sempre più spesso decidono di vivere nelle case di cura. 

SCHIFFE VERSENKEN – SCHIFFFAHRT (Affondare le navi – spedizione)

Anche in Germania vi sono settori che hanno risentito fortemente della crisi finanziaria globale scoppiata nel 2008. La situazione delle compagnie di navigazione da allora è andata sempre più peggiorando.  

Susan Link - Foto: Emilio Esbardo

DER SIEG DER FRAUEN – 100 JAHRE FRAUEN-WAHLRECHT: SIE HATTEN KEINE WAHL (La vittoria delle donne – 100 anni dal diritto al voto delle donne: Non avevano scelta)

Un documento sulla lotta del diritto al voto delle donne, dove si tracciano le biografie e i ruoli delle maggiori protagoniste. In Germania tale diritto è stato ottenuto fine 1918 ed esercitato il 19 gennaio 1919. Tra le altre, vengono prese in considerazione la suffragetta britannica Emmeline Pankhurst, le tedesche Marie Juchacz e Anita Augspurg e la francese Marguerite Durand.

SPIEL OHNE GRENZEN – DIE LÜGE VOM FREIEN HANDEL (Giochi senza frontiere – La bugia del libero mercato)

Ci si pone la questione se il libero commercio globale sia buono ed organizzato in modo equo. Dopo la glorificazione del libero mercato, le opinioni sono mutate e si registrano malumori soprattutto da parte degli sconfitti di questo nuovo processo iniziato con la caduta del Muro di Berlino nel 1989.

THE NEW YORK TIMES VS. TRUMP (Il New York Times contro Trump)

Il documentario segue la battaglia di denuncia del New York Times contro Donald Trump, accusato di essere il Presidente degli Stati Uniti che maggiormente si è scagliato contro la cosiddetta “stampa mainstream”. 

WER BRAUCHT DEN OSTEN? (Chi ha bisogno dell’est?)

Nel film ci si pone la domanda perché, nonostante si siano accorciate le distanze economiche tra i cittadini della parte occidentale ed orientale, prevalentemente negli ex stati federali della DDR  si  è votato per il partito di destra AfD. “Perché i tedeschi dell’est sono insoddisfatti della democrazia?” – “Vi sono forse molti sconfitti nel processo di riunificazione?”   

Share Button